Dopo Volkswagen, Hyundai-Kia e PSA Peugeot-Citroën, anche Jaguar Land Rover aprirà una fabbrica in Slovacchia. L’annuncio è arrivato oggi, a seguito di un accordo fra l’azienda, di proprietà dell’indiana Tata, e il governo slovacco. L’impianto – il primo europeo fuori dal Regno Unito – sarà costruito nella città di Nitra, circa 90 km a est di Bratislava, e impiegherà 2.800 persone. I marchi britannici investiranno un miliardo di sterline (circa 1,37 milioni di euro), i lavori inizieranno l’anno prossimo e le prime automobili saranno prodotte a fine 2018. La capacità produttiva iniziale sarà di 150.000 vetture l’anno. La Slovacchia, spiega JLR nel comunicato ufficiale, ha esperienza nel settore auto, che rappresenta oltre il 40% dell’industria nazionale, ha più di 300 fornitori e un’eccellente infrastruttura logistica. “La nuova fabbrica”, ha detto Ralf Speth, amministratore delegato di Jaguar Land Rover, “completerà i nostri impianti nel Regno Unito, in Cina, India e Brasile e segna un nuovo passo nella strategia di allargare l’azienda a livello globale”. Nel 2014, JLR ha venduto 463.000 veicoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Porsche 718 Boxster e 718 Cayman, un numero in onore della sportiva anni 50

next
Articolo Successivo

#SognareInnovare, Mitsubishi lancia il portale dell’innovazione all’italiana

next