In fatto di capitali nascosti al Fisco e portati all’estero la Lombardia batte tutti. È da qui infatti che proviene quasi la metà delle somme emerse con l’adesione alla voluntary disclosure, l’operazione voluta dal governo per il rientro dai capitali. Seguono le altre regioni del Centro-Nord, come Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Lazio, Liguria e Toscana, che insieme alla Lombardia contribuiscono con il 90% ai capitali che sono stati dichiarati (54 miliardi sui 60 totali). Quasi ininfluente invece il Sud, con fanalini di coda il Molise e la Basilicata, dove sono state presentate rispettivamente 97 e 88 domande, su un totale di 129mila.

Dati che secondo l’Agenzia delle entrate non sono la conseguenza di un maggiore successo della procedura di voluntary in alcune regioni rispetto ad altre, ma sono il risultato di un fenomeno noto: si evade di più dove si produce e si guadagna di più. Il numero basso di istanze presentate nelle regioni meridionali ha poi un’altra causa: i soldi che da qui vengono portati all’estero di solito provengono da attività illecite legate alla criminalità organizzata, e come tali sono al di fuori dell’orbita dalla voluntary disclosure, pensata per sanare solo le somme frutto di evasione.

In cima alla classifica c’è così la Lombardia, che è pure la regione da cui arriva un terzo delle imposte gestite dall’Agenzia delle entrate. Sono lombarde ben 63mila istanze di voluntary disclosure (il 49,1% del totale), per un totale 26,9 miliardi di euro emersi (il 45,1% dei 60 a livello nazionale). Analoghe le percentuali con cui la Lombardia domina le graduatorie del gettito stimato delle imposte da recuperare (1,8 miliardi, pari al 46,3% dei 3,8 miliardi totali) e dei capitali che sono stati effettivamente riportati in Italia (7,5 miliardi, ovvero il 47,5% dei 15,7 miliardi complessivamente rientrati). Piuttosto distanziate le altre regioni. Se si considera per esempio il numero di istanze presentate, al secondo posto c’è il Piemonte (13,5%), seguito da Emilia Romagna (7,2%), Veneto (6%), Lazio (5,5%), Liguria (5,5%), Toscana (4,1%). Simile, ma con qualche posizione invertita, la classifica delle regioni per somme emerse: al secondo posto c’è ancora il Piemonte con 6,9 miliardi (11,5%), seguito da Emilia Romagna con 5,8 miliardi (9,8%), Lazio con 4,8 miliardi (8%), Veneto con 3,7 miliardi (6,1%), Toscana con 3,1 miliardi (5,2%) e Liguria con 3 miliardi (5%).

Il Paese più gettonato come cassaforte per i soldi sottratti al Fisco è risultata la Svizzera, con un totale di somme emerse per 41,5 miliardi, pari al 69,6% del totale. E anche questo, secondo gli uffici dell’Agenzia delle entrate, non è un dato che deve stupire, considerato che tra i migliori clienti italiani delle banche svizzere ci sono proprio i lombardi e che i recenti accordi tra Roma e Berna hanno reso particolarmente rischiosa la situazione di chi ha un conto nascosto in Svizzera. A seguire, tra le mete privilegiate dagli evasori ‘ravveduti’, ci sono il Principato di Monaco, con il 7,7% dei capitali emersi, le Bahamas (3,7%), Singapore (2,3%), il Lussemburgo (2,2%), San Marino (1,9%), il Liechtenstein (1,4%).

@gigi_gno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, McKinsey dovrà risarcire alla vecchia compagnia 11,8 milioni per “inadempienza contrattuale”

prev
Articolo Successivo

Salva banche, Padoan si arrende: “Non escludo che siano stati venduti bond a persone inconsapevoli dei rischi”

next