Inizia il Giubileo straordinario e ci si interroga sul futuro della Chiesa alla luce dei recenti scandali che hanno scosso il Vaticano. Saprà papa Bergoglio realizzare il dichiarato intento di bonifica morale? Il sostegno popolare non gli manca. Tra le persone che abbiamo ascoltato nei pressi della basilica di San Pietro, molti vedono nel Gesuita di nome Francesco il pontefice che scaccerà i mercanti dal Tempio. Ma c’è chi è pessimista: “Ormai è tardi, la corruzione è troppo radicata”. E chi è scettico: “E’ un uomo solo, osteggiato dai poteri di sempre, non sarà facile”. Ma pure chi non ha simpatia per le gerarchie d’Oltretevere gli riconosce, nonostante gli errori, integrità morale: “Un interlocutore come lui lì dentro non l’avevamo mai avuto”. E voi come la pensate? Papa Francesco è ostaggio o nemico della corruzione vaticana? Vi fidate della sua opera di riforma? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio Mauro Episcopo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

500 euro ai diciottenni, bonus culturale o mancia elettorale? Vox e sondaggio

next
Articolo Successivo

Consulta, questa sconosciuta. Cosa sanno gli italiani della Corte costituzionale? Il vox

next