Chi era davvero Giuseppina Pasqualino di Marineo, in arte Pippa Bacca, uccisa in Turchia nel 2008 durante la performance artistica Brides On Tour – Spose in Viaggio?  Perché aveva deciso di attraversare la Turchia in autostop e vestita da sposa?

Nipote di Piero Manzoni, Pippa era cresciuta in una famiglia nobile ma non convenzionale. Vestiva sempre di verde, viaggiava in autostop, lavorava part time in un call center per finanziare i suoi progetti artistici, aveva già all’attivo diverse mostre.

Una storia di passione, ideali e poesia che la scrittirice romana Giulia Morello ha ricostruito nel libro, edito da Castelvecchi, Sono innamorata di Pippa Bacca. Chiedimi perché!, andando ben oltre il caso di cronaca, con un lungo lavoro di ricerca e un profondo dialogo con Rosalia, sorella maggiore dell’artista.

Il volume sarà presentato a Milano il giorno del compleanno di Pippa, il 9 dicembre, ai Frigoriferi Milanesi  (Via Piranesi 10, Sala Carroponte, ore 19.00) luogo di scambio culturale a tutto campo e che già aveva ospitato nel 2013 la premiere milanese del film documentario La Mariée/La Spoa di Joel Curtz.

Per l’occasione, oltre all’autrice, interverrano Leonardo Merlini, giornalista e scrittore, Michele Lobaccaro, autore e musicista dei Radiodervish, i quali hanno dedicato a Pippa una canzone dell’album Human, Chiara Gatti, storica e critica d’arte e il coro scintillante, fondato da Pippa delle Bubblegum.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: le storie di Palmina, Alenya, Luciana e Chiara, che hanno pagato più dei colpevoli

next
Articolo Successivo

Coding, non è un mestiere per donne: in Italia le programmatrici sono 9 su 100. “Troppo sessismo e discriminazione”

next