Una moto nuova di zecca, abiti costosi e viaggi in hotel a 5 stelle. Sono stati i parrocchiani di Legnaro (Padova) a denunciare le presunte spese pazze del sacerdote locale che ora è indagato per appropriazione indebita aggravata. Il prete si sarebbe appropriato dell’eredità plurimilionaria lasciata da un ricco benefattore alla Caritas per beneficenza. I magistrati, in attesa di accertare i fatti, hanno bloccato tutti i beni. I parrocchiani, come riportano i giornali locali, dopo i primi sospetti hanno deciso di avvertire i carabinieri.

Il sacerdote era stato nominato dal notaio custode delle fortune lasciate da un farmacista facoltoso che si era spento a 83 anni nella sua casa di Gallio, sull’Altopiano di Asiago. Nel testamento l’uomo, dedito anche in vita alle opere di bene, aveva deciso di nominare la Caritas della sua parrocchia erede della sua abitazione di Legnaro e di 14 milioni di euro in azioni e titoli bancari. Il farmacista aveva anche previsto che la sua dimora sarebbe dovuta diventare la nuova sede dell’organizzazione di carità e che il denaro avrebbe dovuto essere usato unicamente per opere di beneficenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Joe Formaggio, il sindaco “anti-Rom” indagato per istigazione a delinquere

prev
Articolo Successivo

Università di Brescia, rettore indagato non lascia. Ma è in carica senza nomina

next