Torna in edicola Pagina99. Il giornale riprenderà le pubblicazioni da sabato 21 novembre, dopo un’assenza di quasi un anno. L’ultima copia era uscita a gennaio 2015. Fondato nel febbraio del 2014 da Emanuele Bevilacqua, dopo due mesi di uscite quotidiane è diventato un settimanale. Ora riparte con questa cadenza: uscirà ogni sabato. Il ritorno in edicola è stato possibile grazie all’accordo raggiunto ad aprile 2015 tra il vecchio editore Finam Media e la Sator di Matteo Arpe, azionista di maggioranza di News 3.0, il gruppo a cui fa capo Lettera43.it. Arpe si era impegnato a ricapitalizzare la società per un importo fino a 1,5 milioni di euro.

“Andiamo in edicola nel cuore di un continente spaventato – scrivono nel primo editoriale il direttore Luigi Spinola e la condirettrice Roberta Carlini – Crediamo che la linea del no pasarán attraversi ogni sala da concerto, ogni luogo di lavoro, ogni redazione. Che il #porteouverte dei parigini detti la linea a un’Europa pavida, tentata dall’idea di sbarrare la strada a chi fugge dalla guerra. E che diventi la nostra bussola per non rassegnarci al declino dell’Italia”.

Sator e il gruppo Sorgente della famiglia Mainetti hanno intanto sottoscritto anche l’aumento di capitale da 3 milioni di euro della società Foglio Edizioni: Sorgente deterrà il 65% del capitale, Sator il 32,5 per cento. Nei prossimi mesi la società dell’ex amministratore delegato di Capitalia avrà la possibilità di sottoscrivere un ulteriore aumento fino a raggiungere una quota pari a quella di Sorgente. Esce l’ex azionista di maggioranza Paolo Berlusconi. Le quote del socio Denis Verdini, sottoposte a sequestro giudiziario, si sono ridotte al 2,5 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telejato, la tv antimafia rischia di chiudere. “Disturba frequenze di Malta”

prev
Articolo Successivo

Attentati Parigi: Belpietro dovrebbe chiedere scusa per almeno due motivi

next