Lettura più rapida, animazione dei video in auto-playzoom delle foto ad alta risoluzione inclinando il telefono. Sono alcune delle funzioni interattive di Instant Articles che su Facebook permette di leggere gli articoli dei quotidiani. Un progetto che è approdato anche oggi in Italia, con i primi articoli pubblicati da La Stampa e che nelle prossime settimane coinvolgerà anche Fatto Quotidiano, Corriere della Sera, Repubblica, Fanpage.it e Today.it.

L’obiettivo è di rendere più veloce la lettura delle notizie, sempre più cercate su dispositivi mobile e condivise su Facebook. Ad oggi, però, per il caricamento di questi contenuti sono necessari in media 8 secondi. La nuova funzione rende l’esperienza di lettura fino a dieci volte più rapida rispetto agli articoli standard letti su web mobile e introduce anche nuove modalità di presentazione delle storie. Sarà possibile ad esempio esplorare mappe interattive, ascoltare didascalie audio e infine mettere like e commentare singole parti di un articolo on line.

Il progetto dà agli editori il controllo sulle proprie news e offre l’opportunità di brand experience e monetizzazione. Possono vendere pubblicità all’interno dei propri articoli e trattenerne le entrate, oppure possono scegliere di utilizzare Facebook Audience Network per monetizzare gli spazi invenduti. Gli editori avranno anche la possibilità di monitorare i dati e il traffico attraverso vari strumenti di analisi. Gli Instant Articles sono disponibili anche per gli utenti iOS e saranno riconoscibili all’interno del loro News Feed con un contrassegno forma di fulmine nell’angolo in alto a destra.

“Siamo consapevoli di essere diventati una piattaforma rilevante per gli editori – spiega Luca Colombo, Country Manager Facebook Italia – che permette loro di raggiungere un’audience maggiore e di sostenere in questo modo il proprio business. Siamo entusiasti di poter collaborare con gli editori per soddisfare al meglio le loro esigenze con l’introduzione di Instant Articles ”.

“A La Stampa – spiega il direttore del giornale Mario Calabresi – stiamo sperimentando molte nuove forme di comunicazione e diffusione e siamo contenti di essere i primi in Italia a partecipare al progetto Instant Articles perché riteniamo che sia sempre più importante distribuire i nostri contenuti anche al di fuori del sito e app LaStampa.it, sulle principali piattaforme digitali dove oggi si svolge una parte significativa dell’esperienza online dei cittadini. L’accesso a internet dal cellulare sta crescendo in modo molto rapido, e riuscire a offrire agli utenti un’esperienza d’uso efficace moltiplica le possibilità di diffusione del nostro giornalismo. Per questo abbiamo deciso di portare anche su Instant Articles l’intera nostra produzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Attentati Parigi, terroristi in contatto con Playstation 4? La notizia viene smentita

next
Articolo Successivo

‘Dark web’: l’Internet oscuro non è luogo dove andare a spasso

next