Diverse sparatorie ed esplosioni a Parigi nella serata di venerdì 13 novembre 2015.
Il Capo dello Stato Hollande, si trovava allo stadio per assistere alla partita Francia-Germania, ha dichiarato in diretta tv lo stato d’emergenza nazionale: blocco delle frontiere e stato di allerta massima. Le operazioni terroristiche sono ancora in corso. Qui di seguito i primi aggiornamenti sui social network dopo le esplosioni e gli spari in almeno 3 punti diversi della città.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati a Parigi, Hollande: “Stato d’emergenza e frontiere chiuse. Dobbiamo difenderci”

next
Articolo Successivo

Parigi sotto attacco, salto di qualità dei terroristi con un messaggio di morte: in Occidente nessuno è più al sicuro

next