Due uomini sono stati uccisi a colpi di pistola prima della mezzanotte del 26 ottobre nella zona di Ponte di Nona, a Roma. Le vittime sono due giovani con precedenti penali: un 26enne e un 35enne, entrambi romani di Tor Bella Monaca, freddati con un colpo ciascuno.

L’agguato è avvenuto all’incrocio tra via Raoul Follereau e via Berta Von Suttner alla periferia est della Capitale. I due sono stati colpiti mentre si trovavano in una zona isolata di case popolari. Il 35enne, Mirko Scarozza, è stato colpito a un fianco ed è morto durante il trasporto in ospedale mentre il 26enne, Fabrizio Ventre, è stato ferito alla testa ed è deceduto durante l’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto all’ospedale di Tor Vergata. Sul duplice omicidio indagano i carabinieri del Nucleo investigativo del gruppo di Frascati e della Compagnia di Tivoli.

Il 35enne era agli arresti domiciliari. Ed entrambe le vittime erano in contatto con ambienti dello spaccio di droga e avevano precedenti specifici. Per questo, gli investigatori ipotizzano che il duplice omicidio sia nato in questo contesto. Per avere altri elementi sulla dinamica e sulle armi usate per il duplice omicidio si attende l’autopsia sui cadaveri. Nella notte sono state eseguite perquisizioni in ambienti criminali della zona. Si indaga a tutto campo. E al momento gli inquirenti non escludono nemmeno la pista passionale. A confermalo sarebbero i primi accertamenti svolti dai magistrati della procura di Roma coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco, Lorefice e Zuppi nuovi vescovi di Palermo e Bologna: il “don Ciotti siciliano” e il “Bergoglio italiano”

prev
Articolo Successivo

Il Papa a Milano, Scola contro stampa: “Ha anticipato l’annuncio non riportando le mie parole”. Mistero su fuga di notizie

next