Una cartella esattoriale da 29 milioni di euro rischia di far fallire il comune di Messina. L’Agenzia delle Entrate ha recapitato la cartella negli uffici della ragioneria martedì mattina. L’enorme debito verso lo Stato e altri creditori è di Messinambiente, la società di smaltimento di rifiuti della quale il Comune è il maggiore azionista. Se Palazzo Zanca dovesse effettivamente restituire una somma tale potrebbe fallire rendendo inutile il piano di riequilibrio del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore al Bilancio Guido Signorino.

Messinambiente non è nuova a problemi finanziari. Nel febbraio 2014 la bocciatura del bilancio della partecipata aveva portato la Procura ad aprire un fascicolo per capire le ragioni del “buco” da 25 milioni di euro. C’erano stati due maxi sequestri nella sede e una richiesta di proroga delle indagini notificata all’ex commissario liquidatore Armando Di Maria, al direttore generale Antonino Miloro e ai funzionari Roberto Lisi e Filippo Marguccio, accompagnata da tre ipotesi di reato: truffa, peculato e falso ideologico.

A oggi, come riporta il Giornale di Sicilia, dal bilancio di Messinambiente emerge un disavanzo di sette milioni e mezzo di euro, soldi che non potranno essere inseriti nel piano di riequilibrio già preparato e inviato a Roma dal sindaco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Boehringher Italia taglierà il 30% della forza lavoro: a casa 176 dipendenti

next
Articolo Successivo

Ferrari, debutto a Wall Street a 52 dollari per azione. Il Cavallino vale 9,8 miliardi

next