Gli appalti dell’Atac, l’azienda per la mobilità romana, finiscono in Tribunale. L’ex assessore ai Trasporti di Roma, Stefano Esposito, ha consegnato un dossier di oltre 100 pagine al capo della Procura di Roma, Giuseppe Pignatone. “In questi 70 giorni mi sono imbattuto in una serie di appalti – spiega Esposito ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – riguardanti Atac, metro e Roma-Lido. Materiale che diventerà presto un esposto che presenterò all’inizio della settimana prossima su appalti, vicende e atti risalenti nel tempo”. E se il presidente del Pd Matteo Orfini ha dichiarato che il dossier Atac potrebbe aprire un nuovo filone di Mafia Capitale, Esposito sottolinea: “C’è un’opacità straordinaria nella gestione degli appalti dell’Atac”. E dopo il commissariamento di Roma Capitale Esposito auspica anche un commissario ad acta ai vertici dell’azienda per la mobilità romana che abbia le “deroghe necessarie dal governo per la manutenzione dei mezzi pubblici della Capitale e che rivolti questa azienda come un calzino”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Don Mauro Inzoli, la procura di Cremona ha chiesto 12 anni di carcere per violenza sessuale e abuso di minori

prev
Articolo Successivo

Mario Mantovani, di nuovo indagato come sindaco-imprenditore: “La sua casa di riposo su terreno vincolato a verde”

next