L’ex amministratore delegato di Rcs Pietro Jovane, che ha lasciato una settimana fa la poltrona di vertice dell’editore del Corriere della Sera, guiderà la società di e-commerce e editoria digitale Banzai. Il consiglio di amministrazione dell’azienda fondata da Paolo Ainio ha deliberato di assumerlo con il ruolo di direttore generale e di attribuirgli subito 1,3 milioni di euro di stock option. Prima dell’approdo in Rizzoli e in Microsoft, di cui è stato ad per l’Italia dal 2008 al 2012, Jovane è stato direttore finanziario di Matrix, società fondata dallo stesso Ainio e all’epoca proprietaria del portale Virgilio. Ainio, che oggi è presidente e ad, diventa presidente esecutivo.

“Pietro ed io torniamo a lavorare insieme dopo più di dieci anni e sono molto felice, anche in qualità di principale azionista e fondatore della società, che abbia accettato di entrare a far parte della squadra di Banzai confermando così la nostra capacità di attrarre talenti”, ha commentato Ainio.

Banzai, a cui fanno capo i siti ePrice, Giallo Zafferano e ilPost, fa capo per il 21,8% al fondatore e per il 21,2% all’ex amministratore delegato di Capitalia Matteo Arpe. Da febbraio di quest’anno è quotata in Borsa. Jovane riceverà opzioni sul 3% del capitale.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regimi fiscali agevolati, “Ue dichiarerà illegale l’accordo tra Fiat e Lussemburgo”

prev
Articolo Successivo

Lapo Elkann ‘orgoglioso’ di pagare tasse in Italia. “Ce l’ho tatuata sulla pelle”

next