“Anche Peppino Impastato aveva parentele scomode”. Per difendere Mario Nesci, consigliere comunale cugino di un boss della ‘ndrangheta, a Moncalieri (Torino) i suoi alleati tirano in ballo pure il simbolo della lotta alla mafia siciliana, morto ammazzato dagli uomini di Tano Badalamenti il 9 maggio 1978. È successo mercoledì sera durante la riunione della commissione “Legalità” presieduta proprio dal politico del Pd cugino di Nicola Nesci, presunto boss di Ciminà (Rc) condannato a 15 anni di carcere dal tribunale di Locri lo scorso 28 settembre. L’accusa nei suoi confronti era di associazione a delinquere di stampo mafioso. Una figura non marginale, quella di Nicola, che per la procura di Locri e la Dda di Reggio Calabria farebbe parte di una struttura della ‘ndrangheta, la “corona”, in cui confluivano alcuni boss in stretto contatto con esponenti della politica e della massoneria. Secondo gli investigatori sarebbe stato addirittura il capo della “corona”.

Per questa ragione dopo la recente condanna a 15 anni per Nicola Nesci, il M5S è tornato alla carica contro il cugino consigliere comunale del Partito democratico, eletto a maggio e poi nominato presidente della commissione “Legalità”: “Senza fare processi a nessuno – sostengono i ‘grillini’ Luca Salvatore e Cosimo Ettorre -, sappiamo che Mario Nesci non è stato indagato, ma, per una questione di dignità istituzionale, opportunità politica e rispetto verso la cittadinanza, ne abbiamo chiesto le dimissioni”. Il motivo? Dall’ordinanza di custodia cautelare dell’operazione “Saggezza” del 13 novembre 2012 non era emersa solo la parentela l’imprenditore e il presunto boss. I due al telefono parlavano di politica, in particolare della campagna elettorale del 2007 nel comune della Locride in cui Mario Nesci era candidato e dove è stato assessore prima e presidente del consiglio comunale poi. Inoltre discutevano tra loro di lavori pubblici che avrebbero potuto realizzare nella zona e nei comuni vicini. Insomma, non proprio ciò che Peppino Impastato avrebbe fatto.

Eppure il fondatore di Radio Aut è stato citato da un consigliere comunale dei “Moderati”, formazione politica che sostiene la maggioranza di centrosinistra. “Se stiamo a guardare le parentele, anche Peppino Impastato ne aveva di scomode”, avrebbe detto. “Un accostamento decisamente irrispettoso nei confronti di chi pagò con la vita il rifiuto alle mafie e completamente fuori luogo, esattamente come la figura del consigliere Nesci alla presidenza della Commissione che si occupa anche di legalità”, rispondono i consiglieri del M5S. E così Nesci, rassicurato dai suoi compagni di partito e dai suoi alleati, ha potuto respingere con fermezza la richiesta di dimissioni.

Twitter @AGiambartolomei

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abruzzo, in Regione il “canguro” è legge: giunta potrà far decadere emendamenti

next
Articolo Successivo

Riforme Senato: il gesto del disonorevole costituente

next