“La ricchezza netta delle famiglie italiane è otto volte il loro reddito disponibile (Meglio di Usa, Germania e Canada), e il loro indebitamento rimane relativamente basso (82% del reddito disponibile)”. Lo ha spiegato il ministero dello Sviluppo economico spiega ai potenziali investitori stranieri nel corso del Forum internazionale dei Fondi sovrani che si è svolto a Milano. E allora perché eliminare anche l’unica effettiva tassa sui patrimoni? Parliamo ovviamente dell’abolizione di Imu e Tasi sulla prima casa annunciata dal premier Matteo Renzi. “Io mi occupo di export”, ci tiene a precisare il viceministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha fatto gli onori di casa nell’ultimo dei tre giorni del Forum. “Ma Renzi e Padoan fanno benissimo a tagliare le tasse sulla casa perché in questo momento è prioritario rilanciare la domanda interna“. E spiega: “Abbiamo un export che va molto bene, ma l’anno prossimo le cose potrebbero andare diversamente, visto che le esportazioni sono influenzate da fattori che riguardano l’economia mondiale: rallentamento della Cina, crisi dei mercati emergenti, la strategia dei tassi Usa”. Calma e gesso, dunque, l’export potrebbe giocare un brutto scherzo all’Italia che scommette sulla crescita. E allora tocca che gli italiani si mettano in testa una cosa: spendere di più. “La tassa sulla casa ha un forte effetto psicologico sugli italiani: i consumi aumentano non solo se uno a più reddito, ma anche se ha la sensazione che le cose vadano meglio”. Insomma, anche se le coperture dovessero arrivare da nuove tasse, annullando così i benefici dell’abolizione di Imu e Tasi, gli italiani ricominceranno a spendere. Non è matematica? Pare sia psicologia. Nel frattempo, dove prendete i soldi si può sapere? “Io mi occupo di export. Renzi e Padoan hanno consegnato il piano a Bruxelles con tutte le coperture possibili e immaginabili”. Bene. Intanto a Bruxelles si limitano a bocciare la strada renziana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen, Audi: “Mai più”. “Bravo” a Renzi: “Ma siate solidali, investiremo 1,4 miliardi”

next
Articolo Successivo

Crescita: di che cosa? Neppure lo immaginiamo

next