Sarà una delle attrazioni principali per gli amanti delle giostre ad alta velocità e con questo video si può solo percepire l’adrenalina che potrà generare: “Valravn”, le nuove montagne russe del Cedar Point, il parco divertimenti di Sandusky, in Ohio, saranno inaugurate nell’estate del 2016.  È stata  già definita la più veloce e la più lunga del mondo, anche perché è in grado di raggiungere una velocità di 120 chilometri orari e di scendere in picchiata da un’altezza di 67 metri. Un giro è lungo circa un chilometro e il suo nome deriva da una leggenda danese in cui Valravn è il nome di un corvo dotato di poteri sovrannaturali

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, un siriano racconta la tratta dei profughi: “Rete organizzata come la mafia”

prev
Articolo Successivo

Distruggere gli smartphone: l’esemplare punizione per i cadetti della marina tailandese

next