Possiamo accettare le parole del presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi solo se si riporta la sua affermazione a livello nazionale.

Per essere corretti si dovrebbe parlare di ‪#‎mafie‬ come “elemento costitutivo” della società italiana. Basti pensare che la neonata nazione italiana scelse come primo ministro degli Interni un certo Liborio Romano, senza parlare della capacità d’infiltrazione delle mafie al nord. E’ lo Stato che le ha alimentate e tenute in vita tutto questo tempo. Leonardo Sciascia, già negli anni ’60, diceva: “Lo Stato italiano per sconfiggere le mafie dovrebbe suicidarsi“. Altrimenti condividiamo le parole dello scrittore e amico fraterno, Maurizio De Giovanni:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stephen Amell, esempio perfetto di estremismo populistico da social

next
Articolo Successivo

Ater, senti come piove nelle case?

next