“Non è l’immigrazione che può risolvere i nostri problemi. Noi abbiamo bisogno di ridare lavoro innanzitutto agli italiani”. Parola del leader di Confindustria Giorgio Squinzi. Che, a margine della presentazione a Milano della Fondazione E4impact per lo sviluppo di corsi di studio e la creazione di una nuova classe imprenditoriale in Africa, ammesso che si tratta di “una visione un po’ egoistica“. Ma, ha proseguito, è necessario che “cominciamo a ridare un futuro ai nostri giovani e una velocità al Paese” visto che “abbiamo oltre il 13% di disoccupazione e oltre il 40% di disoccupazione giovanile”.

“Mi sembra di comprendere che la maggior parte delle persone che vengono in Italia ha come meta finale qualche altro Paese”, ha detto Squinzi. “E infatti i problemi stanno venendo fuori in maniera molto precisa”, anche se “l’immigrazione alla lunga è sempre un fenomeno positivo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Lega e Fi ritirano emendamenti. Ma governo porta ddl in Aula con il sì della minoranza Pd

next
Articolo Successivo

Livorno, a Bruxelles piano per maxi-opera porto senza Nogarin. Lui a Rossi: ‘Disagio’

next