Dopo il Four Seasons di Firenze, il Gallia di Milano e gli hotel della Costa Smeralda, anche lo storico hotel Westin Excelsior di via Veneto, a Roma, è stato acquistato da un gruppo del Qatar. La catena alberghiera di Doha Katara Hospitality ha annunciato di averlo rilevato da Starwood hotels per 222 milioni di euro. Il gruppo del golfo ha intenzione di rinnovare la struttura dell’Excelsior nei prossimi cinque anni. Starwood continuerà a gestire la struttura, inaugurata nel 1906.

L’Excelsior, che durante la Seconda guerra mondiale è stato il quartier generale del comando tedesco a Roma, è uno dei simboli della Dolce vita e compare nell’omonimo film di Fellini, anche se in quel caso gli interni sono stati ricostruiti in uno studio di Cinecittà. Non è il primo investimento dei qatarioti nella capitale: Katara Hospitality è già proprietaria dell’InterContinental e lo scorso ottobre lo sceicco Hamad bin Jassim Al Thani ha comprato sempre da Starwood il St.Regis.

Fanno invece capo a Qatar Holding gli hotel di lusso della Costa Smeralda, acquisti da Tom Barrack con un’operazione finita nel mirino della procura di Tempio Pausania per sospetta evasione fiscale. A febbraio, poi, il fondo sovrano Qatar investment authority è diventato unico proprietario di Porta Nuova, l’area milanese tra corso Como e la stazione Garibaldi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ab Inbev-SabMiller, i maggiori produttori mondiali di birra verso la fusione

next
Articolo Successivo

Cremonini, chiesto arresto per il presidente e l’ad: “Abuso di informazioni privilegiate”

next