Dopo il Four Seasons di Firenze, il Gallia di Milano e gli hotel della Costa Smeralda, anche lo storico hotel Westin Excelsior di via Veneto, a Roma, è stato acquistato da un gruppo del Qatar. La catena alberghiera di Doha Katara Hospitality ha annunciato di averlo rilevato da Starwood hotels per 222 milioni di euro. Il gruppo del golfo ha intenzione di rinnovare la struttura dell’Excelsior nei prossimi cinque anni. Starwood continuerà a gestire la struttura, inaugurata nel 1906.

L’Excelsior, che durante la Seconda guerra mondiale è stato il quartier generale del comando tedesco a Roma, è uno dei simboli della Dolce vita e compare nell’omonimo film di Fellini, anche se in quel caso gli interni sono stati ricostruiti in uno studio di Cinecittà. Non è il primo investimento dei qatarioti nella capitale: Katara Hospitality è già proprietaria dell’InterContinental e lo scorso ottobre lo sceicco Hamad bin Jassim Al Thani ha comprato sempre da Starwood il St.Regis.

Fanno invece capo a Qatar Holding gli hotel di lusso della Costa Smeralda, acquisti da Tom Barrack con un’operazione finita nel mirino della procura di Tempio Pausania per sospetta evasione fiscale. A febbraio, poi, il fondo sovrano Qatar investment authority è diventato unico proprietario di Porta Nuova, l’area milanese tra corso Como e la stazione Garibaldi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ab Inbev-SabMiller, i maggiori produttori mondiali di birra verso la fusione

prev
Articolo Successivo

Cremonini, chiesto arresto per il presidente e l’ad: “Abuso di informazioni privilegiate”

next