Niente più numeri sulle braccia per registrare i migranti che attraversano la Repubblica Ceca in direzione della Germania. La polizia ceca – ha comunicato la portavoce delle forze dell’ordine – non scriverà più i numeri di identificazione sugli arti superiori di donne, bambini e uomini, operazione di “marchiatura” che ha scatenato polemiche.

La portavoce della polizia ha precisato che la pratica, adottata in una situazione caotica, serviva ad evitare che i bambini fossero separati dalle madri. I numeri verranno ora scritti su una fascia messa al polso. Intanto, la portavoce della Commissione europea per l‘Immigrazione e gli Affari interni, Natasha Bertaud, ha annunciato che l’istituzione presieduta da Jean-Claude Juncker contatterà le autorità di Praga per fare maggiore chiarezza su quanto sta accadendo dopo la pubblicazione delle foto dei rifugiati “marchiati” con dei pennarelli dagli agenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti in Ungheria non scendono da treni: scontri con polizia. Lite Budapest-Berlino. Merkel: ‘Faccio ciò che è giusto’

next
Articolo Successivo

Migranti, storia di Aylan: bimbo della foto-simbolo. Il papà: “Ho provato a salvarlo”. La fotografa: “Ero pietrificata”

next