Incursione pacifica di un gruppo di attivisti dell’Arcigay, nell’ultimo giorno del Meeting Cl di Rimini. Un gruppo di militanti si è presentato alla Fiera, per assistere a un dibattito sulla famiglia, e “verificare che le posizioni ufficiali del meeting non siano quelle trapelate sulla stampa nei giorni scorsi“. Addosso una maglietta rossa con scritto: “Alcune persone sono gay. Fattene una ragione”. “I diritti che noi chiediamo: non sono privilegi – ha detto il presidente dell’Arcigay di Rimini, Marco Tonti -, ma diritti di uguaglianza, anzi io trovo particolarmente cristiano il fatto di guardare alle persone, che storicamente sono state emarginate e disprezzate, con un occhio pieno di amore e considerandole esattamente come le altre”. Ad accompagnarlo anche una coppia di donne sposate, in attesa di riconoscimento. “Ci siamo sposate in Portogallo. Siamo già delle famiglie anche se non siamo riconosciute. Possiamo solo condividere l’amore che già abbiamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti: non servono filo spinato, esercito e frontiere

next
Articolo Successivo

Fecondazione, Corte Europea boccia richiesta donazione embrioni a ricerca

next