Incursione pacifica di un gruppo di attivisti dell’Arcigay, nell’ultimo giorno del Meeting Cl di Rimini. Un gruppo di militanti si è presentato alla Fiera, per assistere a un dibattito sulla famiglia, e “verificare che le posizioni ufficiali del meeting non siano quelle trapelate sulla stampa nei giorni scorsi“. Addosso una maglietta rossa con scritto: “Alcune persone sono gay. Fattene una ragione”. “I diritti che noi chiediamo: non sono privilegi – ha detto il presidente dell’Arcigay di Rimini, Marco Tonti -, ma diritti di uguaglianza, anzi io trovo particolarmente cristiano il fatto di guardare alle persone, che storicamente sono state emarginate e disprezzate, con un occhio pieno di amore e considerandole esattamente come le altre”. Ad accompagnarlo anche una coppia di donne sposate, in attesa di riconoscimento. “Ci siamo sposate in Portogallo. Siamo già delle famiglie anche se non siamo riconosciute. Possiamo solo condividere l’amore che già abbiamo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti: non servono filo spinato, esercito e frontiere

prev
Articolo Successivo

Fecondazione, Corte Europea boccia richiesta donazione embrioni a ricerca

next