Dopo due stagioni alla Juventus, il centravanti Fernando Llorente andrà al Siviglia a parametro zero. L’addio è ormai soltanto questione di poche ore e questa sera o, al più tardi, domani mattina il giocatore potrebbe firmare il nuovo contratto con la società andalusa.  Il club bianconero lascia libero l’attaccante spagnolo di tornare a giocare in patria, come da lui richiesto: rescisso il contratto e biglietto aereo già fatto, destinazione Siviglia. Niente plusvalenza dunque, il Re Leone andrà via gratis, così com’era arrivato dall’Athletic Bilbao due anni fa: i campioni d’Italia risparmieranno comunque i 10 milioni di euro dell’ingaggio.

Un’operazione simile a quella che ha riportato Carlitos Tevez al Boca Juniors: in questo caso però dal Siviglia non arrivano contropartite tecniche, Llorente va via da svincolato. Si blocca invece, per il momento, il trasferimento di Mauricio Isla: anche il cileno sembrava destinato agli andalusi ma la Juventus pare aver bloccato all’improvviso la trattativa. Se ne riparlerà sicuramente nelle prossime ore.

NOTIZIE IN PILLOLE 

– Milan, prima gaffe per Balotelli: “Addio Liverpool” (leggi qui)

– Roma, Garcia vuole anche Juan Jesus. Arrivato Digne (leggi qui)

– Inter, Coentrao ha due opzioni: nerazzurri o Monaco (leggi qui) 

– Bologna, presentato Destro: “Scelto il 10 e voglio la nazionale (leggi qui)

– Napoli, si rinnova l’interesse per Soriano. Alternativa Kucka (leggi qui)

– Roma, Strootman: nuovo stop. Guarin disponibile al trasferimento (leggi qui)

– Milan, serve maggiore qualità a centrocampo: piace Moutinho (leggi qui) 

– Juventus, Cuadrado ha firmato. In prestito fino a giugno 2016 (leggi qui)

TUTTE LE TRATTATIVE

[calciomercato]

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calciomercato Milan, prima gaffe per Balotelli: “Addio Liverpool” su Facebook

prev
Articolo Successivo

Calciomercato Roma, si presenta Digne: “Sono qui per Garcia e giocare in Champions”

next