Ventitre anni cancellati in un attimo. L’addio di Thom Yorke, il leader dei Radiohead, a Rachel Owen, sua moglie dal 1992 (o l’addio della Owen a Yorke), si consuma – come spesso accade ultimamente tra i vip – con uno stringato comunicato stampa: “Rachel ed io ci siamo separati. Dopo 23 anni estremamente creativi e felici, per svariate ragioni le nostre vie si sono divise. Tutto sta avvenendo in maniera perfettamente amichevole oltre che di comune accordo da diverso tempo”.

La notizia è stata riportata dal sito web nme.com e subito si è aperto il primo capitolo della separazione Yorke-Owen che, nonostante i buoni propositi, è prima di tutto una questione economica. Il patrimonio del 47enne cantante inglese è di oltre 22 milioni di sterline e presto legali e notaio dovranno porci mano, visti anche i due figli della coppia: Noah nato nel 2001 e Agnes nel 2004. Alcuni siti anglosassoni segnalano che alla Owen rimarrà sicuramente la splendida abitazione dell’Oxforshire da 3 milioni di sterline dove i due hanno vissuto per vent’anni, anche se in questo momento, sempre secondo alcune fonti d’oltremanica, la donna sarebbe partita con i figli per una vacanza all’estero.

Su quale sia stato il motivo scatenante della separazione tra la signora che di mestiere fa l’incisore e il compositore vegano di Ok Computer il buio è fitto. La coppia, conosciutasi all’università di Exeter mentre entrambi studiavano arte nel 1992, è sempre stata estremamente riservata e non ha mai fatto trapelare indiscrezioni sulla propria vita privata. Nemmeno quando i siti di gossip di Hollywood nel 2010 tentarono di mettere in relazione il nome di Yorke con quello dell’attrice Kate Hudson, quest’ultima autrice di un corteggiamento non proprio ispirato, e lui che la rifiuta con un certo disinteresse, il “clan” Yorke-Owen si prese la briga di intervenire a riguardo. Niente uscite in pubblico, siamo inglesi. Insomma, gli unici flirt del ragazzetto che mise su una band chiamata On a Friday, perché provavano solo di venerdì, paiono proprio essere quelli citati in Little by Little, nonché tout court quelli con la musica. Yorke continua infatti a sperimentare soprattutto con nuovi album da solista. Nemmeno un anno fa è uscito Tomorrow’s Modern Boxes, secondo lavoro in solitaria, con il supporto di Nigel Godrich, che sta portando in tour in Giappone proprio in queste ore, mentre è di un mese fa l’ascolto in pubblico del brano Subterranea, composto appositamente per la mostra a Sydney dello storico collaboratore delle copertine dei Radiohead Stanley Donwood: un brano durato 18 giorni, oltre 25mila minuti di musica ininterrotta, cioè l’intero tempo dell’esposizione.

L’inatteso addio di Thom a Rachel fa scricchiolare un ufficioso posto nella top ten delle coppie celebri più longeve nell’ambito del pop mondiale. Senza un vero e proprio elenco da aggiornare in questo momento la coppia da più tempo sposata dovrebbe risultare quella di Tom Waits e Kathleen Brennan convolati a nozze nel 1980 e a tutt’oggi sposati. Poi ci sono Bruce Springsteen e Patti Scialfa, sull’altare nel 1991 (anche se erano coppia fissa dal 1988) quindi ad oggi con 24 anni di matrimonio alle spalle e ancora parecchi altri davanti a loro. Il record “onorario” dovrebbe però spettare a Johnny Cash e June Carter (1968-2003, conclusosi con la morte di lei) e subito dietro Paul e Linda McCartney: si sposarono nel 1969 e la relazione si concluse con la morte di lei nel 1998.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elton John fa pace con Dolce & Gabbana: “Grazie per le vostre scuse, tornerò a indossare i vostri abiti. Amiamo l’Italia!”

next
Articolo Successivo

Reggia di Versailles, gara d’appalto per trasformarla in hotel di lusso. “Emblema della Francia diventa Disneyland”

next