“Ci sono rimasta molto male”. È offesa la signora Lucia Rinaldi, abitante del quartiere San Lorenzo di Roma, per essersi sentita dire dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, “connetta i due neuroni che ha” a risposta delle sue lamentale sul degrado della zona. “Vorrei delle scuse – prosegue la signora ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – non so cosa fare, devo chiedere consiglio ai miei legali, sto valutando di querelare il sindaco”. Le parole del primo cittadino, però, l’hanno molto colpita: “Si deve rivolgere a noi in un’altra maniera, ci ha trattato come se fossimo lo scarto dell’umanità, con quella risposta ci ha considerato zero come cittadini”, confessa amareggiata, spiegando di non essersi accorta sul momento della risposta di Marino e di aver desiderato solo un colloquio con lui. Anche Flavio Gozzi, marito della signora, non ha gradito le parole del sindaco:“Non ero presente quando è successo e questo mi ha dato fastidio perché avrei potuto rispondere a dovere. Credo che chi vuole fare il sindaco deve accettare le idee di tutti e tenerne conto”, conclude

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caldo, alghe e moria di pesci nel Lazio. “Spesso causa sono alte temperature”

prev
Articolo Successivo

Carlo Giuliani 14 anni dopo, gli applausi di piazza Alimonda. E la polemica del Coisp

next