Si allarga l’inchiesta della Procura della Repubblica su presunti casi di pedofilia perpetrati da parte di religiosi a CagliariDopo l’arresto il 6 maggio di don Pascal Manca, parroco di Villamar, ieri i carabinieri hanno eseguito un’ordine di perquisizione anche nella parrocchia di Gesico, sequestrando computer e telefonini a don Luca Pretta, parroco di Santa Giusta. Secondo L’Unione Sarda, il pm Liliana Ledda accusa il sacerdote di aver commesso abusi sessuali su un bambino che frequenta il suo oratorio. Gli oggetti sequestrati saranno ora esaminati.

Per la stessa accusa è stato arrestato due mesi fa don Pascal Manca per presunti reati compiuti quando guidava la parrocchia di Mandas. Don Manca è sospettato di aver adescato i ragazzini nella propria casa per poi drogarli con psicofarmaci mescolati a succhi di frutta e bibite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delitto di Bracciano, condanna a 18 anni per l’ex fidanzato di Federica Mangiapelo

next
Articolo Successivo

Multe, lo sconto per chi paga prima è un flop: “I furbetti continuano a evadere”

next