La procura di Roma indaga sulla giornalista Ilaria D’Amico per violazione della legge tributaria. I pm della Capitale accusano l’attuale compagna del portiere della Juventus e della Nazionale Gianluigi Buffon  di aver evaso l’Irpef tra il 2009 e il 2011 per circa 400 mila euro. Si tratta di somme percepite da Sky e da La7.

Le indagini sono partite nel giugno del 2013 su input degli uomini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano: poi sono approdate a Roma per competenza. È da quel controllo delle fiamme gialle che l’ex conduttrice di Exit si accorge di essere stata “truffata“dal suo commercialista, fino a quel momento considerato un uomo di fiducia della sua famiglia.

“L’ho già denunciato“, dice al fattoquotidiano.it. La querela nei confronti del commercialista, D.C., depositata il 28 dicembre del 2013, è agli atti degli uomini della Guardia di Finanza e della procura di Roma. Secondo i consulenti della D’Amico, la truffa dell’ex commercialista ai danni della conduttrice televisiva ammonta a quasi un milione e mezzo di euro. I pm capitolini potrebbero a questo punto riunire i due procedimenti: quello per truffa nei confronti del commercialista e quello in cui alla D’Amico viene contestata la violazione fiscale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marò, procura indiana accetta l’arbitrato internazionale. E Latorre resta in Italia

next
Articolo Successivo

Papa Francesco rientra dall’America Latina: “Crocifisso su falce e martello? Nessuna offesa”

next