L’associazione Plus onlus, creata da un gruppo di persone Lgbt sieropositive, ha inaugurato a Bologna il ‘Blq Checkpoint’, il primo centro italiano interamente gestito dalla comunità Lgbt dedicato alla salute sessuale e il primo a proporre stabilmente il test rapido per l’Hiv in maniera gratuita. Il centro nasce in un edificio di proprietà comunale in via San Carlo, pieno centro storico. In meno di mezzora sarà possibile effettuare il test, anonimo, con il sostegno di persone “alla pari“, cioè omosessuali e in alcuni casi sieropositive, che possono consigliare e aiutare sia in caso di esito negativo, sia in caso di esito reattivo. L’esame è affidabile già dopo un mese dall’episodio di possibile infezione e solo in caso di esito reattivo la persona viene indirizzata al Policlinico Sant’Orsola per scoprire se è davvero positiva oppure no. “In tutta Europa i checkpoint sono gestiti direttamente dalle comunità storicamente più colpite dal virus Hiv, quelle cioè Lgbt”, spiega Sandro Mattioli, presidente di Plus Onlus. “Presto faremo anche l’esame per l’epatite C, e il centro, anche se gestito da persone Lgbt, sarà aperto anche agli eterosessuali che vorranno fare il test”. Il Blq Checkpoint nasce con la collaborazione della Regione Emilia Romagna, del Comune di Bologna, dell’azienda USL e del policlinico Sant’Orsola-Malpighi  di David Marceddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gay Pride Milano 2015 (FOTO), 100mila manifestanti per le strade della città. Pisapia: “Un urlo forte al Parlamento”

prev
Articolo Successivo

Gay Pride 2015: le piazze italiane sull’onda della speranza di cambiamento

next