Mario Draghi è stato “aggredito” con un lancio di coriandoli da Josephine Witt, una manifestante di Blockupy nel corso della conferenza stampa dopo la riunione del direttivo dell’Eurotower a Francoforte.

La contestatrice, con la quale non c’è stato alcun contatto fisico, è salita sul tavolo dove era seduto il presidente della Banca centrale europea e gli ha lanciato addosso una pioggia di coriandoli bianchi mentre gridava “stop alla dittatura della Bce”. Poi è stata fermata dalla sicurezza e allontanata dalla sala stampa inaugurata il 18 marzo proprio tra le contestazioni di Blockupy. Draghi, un po’ scosso ma sorridente, ha poi ricominciato a leggere la sua relazione.

Il giorno dell’inaugurazione della nuova sede della Banca centrale il gruppo anticapitalista, che raccoglie sotto il suo ombrello diverse formazioni, è stato protagonista di scontri con la polizia. Allora, almeno sette auto delle forze dell’ordine erano state incendiate e 88 ufficiali erano rimasti feriti. Circa 350 le persone arrestate.

La Witt, al secolo Josephine Markmann, secondo la Bild, è una studentessa di filosofia che ha aderito alle Femen nel 2013 e il giorno di Natale dello stesso anno ha interrotto la messa nel duomo di Colonia salendo sull’altare a seno nudo. Sul foglio A4 che ha lanciato a Draghi insieme ai coriandoli si legge: “Bce, creatore dell’Universo, non c’è nessun dio, ma persone dietro queste vite”, “non siamo pedine di una scommessa”,”oggi sono solo una farfalla che porta un messaggio, ma stai attento che arriverà altro”. E ancora: “Le nostre vite ci appartengono – E davanti al dilagante potere dell’ambiente esterno della politica monetaria della Bce, qualche volta è difficile ricordarlo”. “Bce, creatore dell’Universo” se “tu fai regole invece di servire” allora “sentirai la nostra protesta più forte, più accesa, dentro e fuori le tue stanze, dovunque”, si legge ancora nel testo, in cui l’istituto di Francoforte viene accusato di “autocratica egemonia” e arroganza”. E infine: “Non mi aspetto che la mia voce venga ascoltata”. “Oggi – la conclusione – sono solo una farfalla che porta un messaggio, ma attenta che altro arriverà, ci riprenderemo le nostre vite. Il debito della Bce non è ancora stato pagato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chieti, “quel ponte non è sicuro”. Sui social l’allarme dopo il caso Sicilia

prev
Articolo Successivo

Fabio Tortosa, il poliziotto: “Alla Diaz non ho rotto teste, a picchiare furono altri”

next