Il Comune di Bologna non venderà le azioni della multiutility Hera. Ad annunciarlo è stato il sindaco Virginio Merola dopo la decisione della Giunta che è stata preannunciata ai sindacati. “Questa scelta – ha detto – non pregiudica le capacità di investimento del Comune”. La decisione è stata presa dopo che il Comune (nell’ambito della riforma dello statuto della multiutility che prevede che i soci pubblici scendano fino al 38% pur mantenendo il controllo) aveva lasciato intendere la possibilità di tornare a vendere azioni.

Attualmente, con il 9,7%, il Comune di Bologna è il principale azionista di Hera e, di fatto, il leader del patto di sindacato. Una leadership che intende rafforzare con il sottopatto che sarà siglato con i piccoli Comuni dell’area. “Porteremo in consiglio comunale – ha detto Merola – la delibera che prevede la discesa al 38% della quota pubblica, parallelamente all’impegno del Comune di non vendere azioni e alla volontà di creare con i Comuni della Città metropolitana, Imola esclusa, un patto per un’azione comune che metta al centro temi come la democrazia economica e la partecipazione”.

La scelta di non vendere le azioni non è, ha detto il sindaco, “un atto demagogico, perché siamo stati in grado di cercarci altri fondi per gli investimenti che sono già arrivati con l’assegnazione diretta di 40 milioni di fondi strutturali alla Città metropolitana e che arriveranno dalla quotazione in borsa dell’Aeroporto e dall’impegno, assunto insieme alla Regione, di ottenere altre quote di fondi strutturali. Queste decisioni permettono al Comune di continuare a godere della ripetitività dei dividendi, di lasciare il controllo di Hera saldamente in mano pubblica, ma anche di dare la possibilità di vendere azioni ai Comuni che non hanno alternative”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, a Parma “5 euro per evento su libro di Cazzullo”. Poi Comune ritratta

prev
Articolo Successivo

Piacenza, tre ragazzi escono da scuola e sventano rapina in farmacia

next