E’ morto Gianmaria Buccellati, protagonista dell’alta oreficeria italiana e erede di una delle più note famiglie di gioiellieri. A dare la notizia la Reggia di Venaria, dove è in corso la mostra “L’Arte della bellezza. I gioielli Gianmaria Buccellati”, dedicata alle sue straordinarie creazioni. Nato nel 1929, Gianmaria Buccellati raccoglie l’esperienza del padre Mario, che nel 1919 aveva aperto la prima boutique di alta gioielleria, a Milano: tra i clienti del negozio Gabriele D’Annunzio che nel 1923 ordino la collana “sautoir” con rubini e berillo giallo.

Attraverso l’utilizzo di oro, argento, perle e pietre preziose Gianmaria ha realizzato capolavori di arte orafa e ha aperto negozi in tutto il mondo, da Montecarlo a Hong Kong, da Firenze a Tokyo e a New York fino alla consacrazione nel 1979 con l’apertura della boutique in Place Vendôme a Parigi, tempio mondiale della haute joaillerie. Nel 2013 il private equity fund Clessidra SGR diventa primo partner investitore del marchio con la famiglia che continua a sovraintendere la direzione creativa delle collezioni. L’esposizione attualmente in corso a Torino è una preziosa selezione, in larga parte inedita, delle straordinarie creazioni di gioielleria e di alta oreficeria realizzate da Gianmaria Buccellati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Earth Hour, il 28 marzo luci spente per un’ora per fermare il cambiamento climatico

next
Articolo Successivo

Il culto della ‘Wicca’ in Italia, le streghe (moderne) son tornate: incantesimi, rituali pagani e danze liturgiche

next