Un attico a Roma con vista su Piazza Navona, una casa a Milano dietro via Montenapoleone “vista Madonnina”, un’abitazione fiorentina dal valore di 1,3 milioni di euro, una tenuta a Montepulciano (Siena) e una villa, sempre a Firenze, dal valore “incalcolabile”. E’ questo l’”impero immobiliare” messo su da Stefano Perotti, recentemente arrestato per l’inchiesta fiorentina sulle Grandi Opere, che ha poi portato alle dimissioni il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. Anche se molti di questi beni sono intestati alla moglie di Perotti, Christine Mor, gli inquirenti scrivono: “Non emerge in alcun modo che Mor svolga attività idonea a produrre redditi significativi. E’ l’attività di Perotti l’unica in grado di consentire l’accumulo di capitali”. E poi specificano: “Attività intrisa di reati contro la Pubblica amministrazione”. Philippe Perotti, che risulta tra gli indagati, raggiunto nella sua abitazione fiorentina, non commenta l’accaduto. I vicini, svegliati pochi giorni fa dai Carabinieri che lo cercavano, ne parlano come un qualsiasi condomino. Dei Perotti a Roma invece si parla come persone “abbienti”. “Abbiamo fatto una riunione di condominio a casa loro – spiega una vicina di casa, che chiosa – un appartamento bellissimo, però se l’ha fatto grazie a illeciti, ce li restituisca”  di Max Brod, Irene Buscemi, Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pg Cassazione: “Severino? Decida giudice, non il Tar”. I casi De Luca e De Magistris

prev
Articolo Successivo

Storia di Gianni, meccanico infiltrato nei narcos: “Lasciato solo, Stato paghi i danni”

next