“Infame responsabile della crisi”. Una scritta contro il giuslavorista Marco Biagi è comparsa nella notte a Modena sui muri della Fondazione a lui intitolata, dove si sta tenendo un convegno in sua memoria a 13 anni dall’assassinio ad opera delle nuove Br a Bologna. La frase è stata subito cancellata. “Un gesto ignobile e vergognoso – ha commentato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli – la memoria di Marco Biagi non verrà certo offuscata da chi, in modo vigliacco, scrive sui muri. Continueremo a ricordarlo con gratitudine”. Il primo cittadino di Modena ha parlato di “eredità preziosa lasciata da Biagi, come dimostra il convegno di oggi con la partecipazione di qualificati docenti ed esperti di diritto del lavoro e di relazioni industriali. La Modena democratica condanna senza appello ogni forma di terrorismo, non saranno né la violenza fisica né la violenza verbale a impedire il corso delle idee e il libero confronto. Infami sono coloro che non hanno il coraggio del confronto e della libertà”.

Solo poche ore prima il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti era intervenuto a margine della Cerimonia di conferimento del nono premio Marco Biagi per la solidarietà sociale nella sede del Resto del Carlino, a Bologna. “E’ il momento giusto per ricordare il giuslavorista. Poche settimane fa abbiamo approvato in via definitiva il provvedimento sul mercato del lavoro. E credo che ne sarebbe stato contento. Lui aveva cominciato molto prima ad elaborare una norma che andava in questo senso, cioè nel parificare i diritti tra chi le tutele le aveva già e chi invece entrava nel mondo del lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Federico Aldrovandi un caso isolato? Pare di no. Ne vogliamo parlare?

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, Fava: “Si dimetta il sindaco di Brescello. Pd poteva intervenire”

next