E patteggiamento fu. Si chiude una prima fase del caso giudiziario e mediatico sul metodo Stamina. Il gup di Torino Potito Giorgio ha accolto i patteggiamenti di Davide Vannoni, fondatore della “Stamina foundation” e promotore della discussa cura a base di cellule staminali, del medico Marino Andolina e di altri cinque imputati. Inoltre ha deciso la condanna a due anni per Marcello La Rosa e a sei mesi per Carlo Tomino dell’Aifa.

Quattro medici degli Spedali civili di Brescia sono stati rinviati a giudizio e il processo per loro comincerà il 9 giugno 2016. L’accusa, formulata dal procuratore Raffaele Guariniello, era di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, alla somministrazione di farmaci guasti ed esercizio abusivo della professione medica.

Un anno e dieci mesi è la pena concordata per Vannoni, mentre per Andolina la pena è di  un anno e nove mesi. Gli altri cinque che hanno optato per il patteggiamento hanno ottenuto pene inferiori: Erica Molino, biologa che collaborava con la fondazione, un anno e sette mesi, mentre Gianfranco Merizzi, uno dei finanziatori, un anno e quattro. Chi ha patteggiato la pena non dovrà pagare risarcimenti alle parti civili, ma risarcire una parte delle spese legali, mentre La Rosa e Tomino dovranno pagare delle provvisionali ad alcune delle persone offese. Gli imputati hanno usufruito della sospensione condizionale della condanna a patto che non proseguano le attività della fondazione e le terapie.

Se per Guariniello la sentenza rappresenta un trionfo per la scienza, per i difensori di Vannoni – Liborio Cataliotti e Pasquale Scrivo: “La vera sconfitta è la scienza. Vannoni resta convinto della validità del metodo e in cuor suo è innocente”, aggiungono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trasparenza delle istituzioni contro la corruzione? No, grazie

prev
Articolo Successivo

Luca Lupi e Livio Acerbo, i rampolli nelle inchieste. “Incarichi ai figli? Un classico”

next