E patteggiamento fu. Si chiude una prima fase del caso giudiziario e mediatico sul metodo Stamina. Il gup di Torino Potito Giorgio ha accolto i patteggiamenti di Davide Vannoni, fondatore della “Stamina foundation” e promotore della discussa cura a base di cellule staminali, del medico Marino Andolina e di altri cinque imputati. Inoltre ha deciso la condanna a due anni per Marcello La Rosa e a sei mesi per Carlo Tomino dell’Aifa.

Quattro medici degli Spedali civili di Brescia sono stati rinviati a giudizio e il processo per loro comincerà il 9 giugno 2016. L’accusa, formulata dal procuratore Raffaele Guariniello, era di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, alla somministrazione di farmaci guasti ed esercizio abusivo della professione medica.

Un anno e dieci mesi è la pena concordata per Vannoni, mentre per Andolina la pena è di  un anno e nove mesi. Gli altri cinque che hanno optato per il patteggiamento hanno ottenuto pene inferiori: Erica Molino, biologa che collaborava con la fondazione, un anno e sette mesi, mentre Gianfranco Merizzi, uno dei finanziatori, un anno e quattro. Chi ha patteggiato la pena non dovrà pagare risarcimenti alle parti civili, ma risarcire una parte delle spese legali, mentre La Rosa e Tomino dovranno pagare delle provvisionali ad alcune delle persone offese. Gli imputati hanno usufruito della sospensione condizionale della condanna a patto che non proseguano le attività della fondazione e le terapie.

Se per Guariniello la sentenza rappresenta un trionfo per la scienza, per i difensori di Vannoni – Liborio Cataliotti e Pasquale Scrivo: “La vera sconfitta è la scienza. Vannoni resta convinto della validità del metodo e in cuor suo è innocente”, aggiungono.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasparenza delle istituzioni contro la corruzione? No, grazie

next
Articolo Successivo

Luca Lupi e Livio Acerbo, i rampolli nelle inchieste. “Incarichi ai figli? Un classico”

next