Silvio Berlusconi le ha “prestato” la residenza di Arcore per celebrare il battesimo di Valerio, il suo secondo figlio, di cui è stato il padrino. La mamma in questione è Noemi Letizia, la ragazza che il 27 aprile 2009 festeggiò i 18 anni in un locale di Casoria (Napoli) dove si presentò a sorpresa l’allora presidente del Consiglio.

Un episodio a partire dal quale esplose la vicenda del premier e delle minorenni: Noemi, infatti, in un’intervista, aveva confessato di chiamarlo “Papi”, di vederlo da tempo e di raccogliere le sue confidenze. Parole alle quali era seguita la lettera di Veronica Lario, ex moglie del Cavaliere, che aveva segnato la frattura irreparabile nella coppia: “Non posso stare con un uomo che frequenta le minorenni – aveva scritto – Chiudo il sipario sulla mia vita coniugale“. Inoltre, a febbraio 2011, Oggi aveva rivelato l’esistenza di foto e video di Noemi Letizia, ancora minorenne, nelle abitazioni dell’ex presidente del Consiglio a Roma e in Sardegna.

A riferire la notizia del battesimo è il Corriere del Mezzogiorno, secondo cui alla cerimonia, avvenuta domenica 1 marzo, ha partecipato anche Francesca Pascale, la compagna del leader di Forza Italia. Come ha scritto nei giorni scorsi Il Fatto, Noemi Letizia, una o due volte alla settimana, fa visita a Palazzo Grazioli o ad Arcore. La ragazza, che oggi ha 23 anni, si presenta sempre in compagnia del marito Vittorio Romano, rampollo della Napoli bene e responsabile delle politiche di promozione e sviluppo dei Club Forza Italia nel Sud, su cui l’ex Cavaliere vorrebbe investire politicamente alle Regionali in Campania. La coppia ha anche una bambina, Beatrice, di quasi due anni, ed è in buoni rapporti con la Pascale. Il 5 marzo Noemi ha conseguito la laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Maltempo, Abruzzo e Molise paralizzati. Incendio a gasdotto a Teramo: 3 feriti

next
Articolo Successivo

Totti e gli affari d’oro col Campidoglio: 75mila euro al mese dalle case popolari

next