Il lancio dell’opa su Rai Way da parte della concorrente Ei Towers (gruppo Mediaset) ha già fatto ricco qualcuno che fin dalla metà di gennaio aveva iniziato a comperare titoli sul mercato. Possibile che Ei Towers abbia rastrellato azioni prima del lancio dell’offerta? Certamente sì, anche se difficile dato che Rai Way non è un titolo particolarmente liquido e dunque mettere insieme un pacchetto significativo di azioni a un prezzo inferiore a quello dell’opa sarebbe stato pressoché impossibile. Eppure qualcuno, all’improvviso e senza apparente ragione, ha iniziato ad acquistare.

grafico ei towers

A fronte di una media di scambi di poche centinaia di migliaia di azioni al giorno, il 14 gennaio i volumi si sono improvvisamente impennati sfiorando gli 1,6 milioni di pezzi senza registrare alcun incremento di prezzo. Il titolo ha infatti chiuso la seduta a 3,18 euro, invariato rispetto al giorno precedente. Poi un altrettanto repentino ritorno alla calma: nei giorni successivi gli scambi sono tornati nella media e il prezzo è leggermente salito portandosi a 3,21 euro. Il 22 gennaio, però, si sono riviste mani forti in acquisto: i volumi sono schizzati oltre gli 1,3 milioni di pezzi e il prezzo si è impennato da 3,21 a 3,5 euro (+9%). Non male per un periodo in cui di Rai e di torri non si parlava proprio e l’attenzione era tutta concentrata sull’elezione del presidente della Repubblica.

La cosa interessante è che da quel momento in poi il titolo ha cominciato a salire e i volumi piano piano anche. Dal 14 gennaio alla chiusura odierna (4,05 euro, prezzo a un passo da quello dell’opa lanciata da Ei Towers) il titolo è salito di quasi il 30 per cento. Un bel colpaccio davvero. Chissà se è frutto del fato, di chiaroveggenza o di un suggerimento ricevuto da chi stava lavorando al lancio dell’opa? A sciogliere quanto prima questo dubbio dovrebbe essere la Consob presieduta da Giuseppe Vegas, che si è mostrata così solerte nelle scorse settimane ad attivare gli accertamenti sugli acquisti anomali di azioni delle banche popolari. Avrà tempo e mezzi sufficienti per occuparsi anche del possibile caso di insider trading sull’opa targata Ei Towers-Mediaset?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benetton: “Risarciremo per morti Rana Plaza”. Ma non dà cifra richiesta (per ora)

next
Articolo Successivo

Rai Way, l’offerta di B. lusinga il governo, ma “la maggioranza non è in vendita”

next