Valerio Onida, giurista e presidente emerito della Corte costituzionale è intervenuto all’Università degli studi di Milano ad un dibattito sulla cosiddetta legge regionale “anti-moschee”, spiegando che “non si può attraverso eventuali vie surrettizie limitare la libertà di culto“, chiarendo che il testo approvato dalla Regione ha elevati profili di incostituzionalità. All’incontro anche i rappresentanti di altre confessioni religiose, che hanno aspramente criticato il testo  di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria: presidio di Arcigay per Fabiana, la trans vittima di omofobia

next
Articolo Successivo

Lampedusa e il mare che hanno voluto chiudere

next