“L’intervento della Bce sulla Grecia è stato opportuno e necessario”. Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia, conferma le parole del premier Matteo Renzi, a margine di un convegno organizzato dalla Fondazione Italianieuropei. “La Banca centrale – prosegue Padoan – e le altre istituzioni europee devono lavorare nel quadro delle regole condivise. Italia a fianco della Germania contro la Grecia? La riunione dell’Eurogruppo non è un conflitto tra una squadra e un’altra. La Grecia fuori dall’euro? Sarebbe del tutto fuori luogo”. Massimo D’Alema, presidente di Italianieuropei, ha parlato della necessità di cercare un accordo da Europa e Grecia: “Servirebbe un bridge loan – secondo l’ex premier – un prestito ponte, una dilazione del pagamento dei debiti”. Da Renzi si aspettava un’apertura più coraggiosa nei confronti di Tsipras? D’Alema risponde gelido: “Non mi aspetto nulla”. La voce più critica è quella dell’ex viceministro Stefano Fassina: “L’intervento della Bce in un momento così delicato rischia di non aiutare i negoziati. La Grecia sta proponendo misure ragionevoli e realistiche. Renzi dovrebbe essere più autonomo dalla Merkel”  di Tommaso Rodano

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trasporti marittimi: ‘In mano ad armatori privati senza gara Ue’, l’interrogazione di M5s sul Golfo di Napoli

prev
Articolo Successivo

Privatizzare le Ferrovie dello Stato? Renzi ci riprova, ma è improbabile. Forse impossibile

next