Il sindaco di Torino si arrabbia, molto. Piero Fassino (Pd) non vuol sentire parlare di Quirinale, nelle prime tre votazioni nessuno degli oltre mille elettori ha scritto il nome del ex segretario dei Ds, per l’elezione al Colle. Da settimane in Comune a Torino è vietato anche solo nominare il Quirinale. Fassino aveva lavorato sottotraccia, chiedendo il voto a diversi parlamentari, sembra con con scarsi risultati. Appena le telecamere de ilfattoquottidiano.it gli chiedono se si sentisse deluso dal risultato il sindaco scansa l’obbiettivo e scappa. Subito dopo arriva il suo ufficio stampa: “Siamo qui a parlare di sport, le elezioni per il Quirinale si fanno a Roma”, da dove sembra sia arrivato anche il malumore di Fassino di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eccesso di zelo, vota e scrive “bianca”. Tutti i nomi improbabili

next
Articolo Successivo

Presidente della Repubblica, Twitter: poco “spettacolo”, calo degli hashtag

next