Ho un dubbio: ma tutte queste vignette piene di matite, gomme da cancellare, penne e pennarelli che in queste ore si oppongono orgogliose e sanguinanti a mitra, uomini neri e tagliatori di teste sono davvero Charlie? Chi avrebbe mai giustiziato dei vignettisti perché avevano disegnato… matite?

C’e’ chi pensa che la satira di Charlie fosse volgare, offensiva e spesso gratuita. Può anche essere, ma Voltaire dove lo mettiamo? della serie: “Non condivido ciò che dici ma sarei disposto a dare la vita affinché tu possa dirlo”.
Allora invece di pubblicare tutte ‘ste vignette con matite spezzate, sparate, morte, portate in spalla, seppellite, risorte, ascese al cielo e sedute alla destra del padre, non era più giusto stampare direttamente quelle sporche, brutte e cattive di Charlie?

Ps.
Perbacco! Leggo ora che Santanché vuole fare Charlie in Italia… tempi duri per meridiani e parallele!
Manca solo che Boko Haram apra uno sportello contro la violenza sulle donne…

 

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Charlie Hebdo: alla violenza fondamentalista rispondiamo con la laicità

prev
Articolo Successivo

Genitori e figli: un progetto educativo comune

next