Ho un dubbio: ma tutte queste vignette piene di matite, gomme da cancellare, penne e pennarelli che in queste ore si oppongono orgogliose e sanguinanti a mitra, uomini neri e tagliatori di teste sono davvero Charlie? Chi avrebbe mai giustiziato dei vignettisti perché avevano disegnato… matite?

C’e’ chi pensa che la satira di Charlie fosse volgare, offensiva e spesso gratuita. Può anche essere, ma Voltaire dove lo mettiamo? della serie: “Non condivido ciò che dici ma sarei disposto a dare la vita affinché tu possa dirlo”.
Allora invece di pubblicare tutte ‘ste vignette con matite spezzate, sparate, morte, portate in spalla, seppellite, risorte, ascese al cielo e sedute alla destra del padre, non era più giusto stampare direttamente quelle sporche, brutte e cattive di Charlie?

Ps.
Perbacco! Leggo ora che Santanché vuole fare Charlie in Italia… tempi duri per meridiani e parallele!
Manca solo che Boko Haram apra uno sportello contro la violenza sulle donne…

 

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo: alla violenza fondamentalista rispondiamo con la laicità

next
Articolo Successivo

Genitori e figli: un progetto educativo comune

next