Sono stati costretti a farsi notare con i fischietti e i cori i lavoratori della Cgil, che questa mattina hanno protestato nella sede della Granarolo, alle porte di Bologna, dove era in arrivo il premier Matteo Renzi. Gli operai, che volevano manifestare contro il Jobs act, sono stati tenuti a debita distanza non solo dal premier, ma anche da fotografi, stampa e televisioni. Coperti dai cancelli e stretti in pochi metri quadrati, per “motivi di sicurezza”. “Hanno cercato di oscurare la nostra protesta tenendoci lontano e vietandoci di muoversi da un perimetro strettissimo” ha raccontato il segretario della Flai Cgil di Bologna. Vincenzo Grimaldi, che solo alla fine del sit-in ha raggiunto i cronisti. “Ma l’adesione allo sciopero è stata buona: la produzione all’interno si è fermata. L’importante per noi era non far passare il messaggio che le politiche del governo sul lavoro sono buone e condivise”  di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs Act, “dispersi” decreti attuativi di Natale. Dubbi Ragioneria sulle coperture

next
Articolo Successivo

Mobilità sociale, Uk vs Italia: quando non conta solo essere ‘figli di’

next