Prima udienza a Milano del processo alla studentessa bocconiana Martina Levato e al broker Alexander Boettcher, presunti responsabili dell’aggressione con acido muriatico al 22enne Pietro Barbini. I due, arrivati in tribunale questa mattina, sono tornani in carcere e rischiano 16 anni. La madre di Alexander, costretta a rimanere fuori dall’aula ha detto: “Sono vicina umanamente alla famiglia della vittima dell’aggressione. Mio figlio Alexander è provato” di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pino Daniele, rissa in diretta durante collegamento Sky a Napoli per i funerali

next
Articolo Successivo

Pino Daniele, esito autopsia: “Morto per insufficienza cardiaca”

next