Che fine hanno fatto i primi due decreti attuativi della delega nota sul lavoro, il Jobs Act? I testi, presentati da Matteo Renzi al termine del Consiglio dei ministri del 24 dicembre da cui è uscita anche l’ormai famosa norma “salva Berlusconi”, non sono ancora stati pubblicati in Gazzetta ufficiale. Al contrario, per esempio, del decreto Salva-Ilva varato lo stesso giorno. E la Ragioneria generale dello Stato, che ha il compito di valutare se le coperture individuate dal governo sono adeguate, ha dubbi sul fatto che le risorse a disposizione per il nuovo sussidio di disoccupazione Naspi siano sufficienti. Tanto da aver rimandato la “bollinatura” in attesa di chiarimenti a Palazzo Chigi, stando a quanto riferisce Il Sole 24 Ore, secondo cui giovedì funzionari del ministero del Lavoro guidato da Giuliano Poletti e della Ragioneria si incontreranno per tentare di sciogliere il nodo. Non si tratta comunque certo di un fulmine a ciel sereno: l’economista Tito Boeri, parlando con ilfattoquotidiano.it subito prima del Cdm che ha varato i decreti e che l’ha tra l’altro nominato presidente dell‘Inps, aveva spiegato che i 2,2 miliardi stanziati nella legge di Stabilità per la riforma degli ammortizzatori sociali non bastano e “ne servirebbero almeno 4”

Giovedì a lanciare l’allarme è stato il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, che su Twitter ha scritto: “Non doveva entrare in vigore l’1/1? Cosa ha approvato Cdm 24/12?”. A dire il vero il primo dei due decreti, quello sul contratto a tutele crescenti, è atteso a ore alle commissioni Lavoro di Camera e Senato che dovranno dare il proprio parere non vincolante, e dovrebbe diventare operativo entro metà febbraio. Ad essere “ritardatario” è invece l’altro testo, quello che introduce appunto la Nuova prestazione di assicurazione sociale per l’impiego, l’assegno sperimentale di disoccupazione (Asdi) e l’indennità per i collaboratori rimasti senza lavoro (Dis-coll).

Come è noto, l’esecutivo è riuscito a trovare per il prossimo triennio solo 2,2 miliardi l’anno. Troppo pochi alla luce non solo degli ultimi dati sulla disoccupazione, che vedono il tasso al record storico del 13,4%, ma anche del fatto che nel 2016 e 2017 la platea dei beneficiari della Naspi è inevitabilmente destinata ad allargarsi visto che vi avranno diritto anche quanti hanno un contratto a termine.

Intanto il governo deve ancora scrivere gli altri tre decreti, relativi a riordino dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e infine tutela della maternità e conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Il termine ultimo è di sei mesi dall’entrata in vigore della legge, che risale il 16 dicembre, quindi entro il prossimo giugno tutti i testi attuativi dovranno essere pronti. Ci sarò poi un anno di tempo per eventuali correzioni e integrazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega Nord, nulla di fatto nel tavolo per evitare la mobilità di 71 dipendenti

next
Articolo Successivo

Mobilità sociale, Uk vs Italia: quando non conta solo essere ‘figli di’

next