Sembrava una morte naturale, forse dovuta a una caduta, e invece si tratta di una rapina finita in omicidio. Margherita Crivello, una pensionata torinese di 77 anni è stata aggredita e uccisa, il 17 dicembre, da Mihaita Stanescu, un 18enne di origini romene che si è fatto aprire la porta di casa con la scusa di aiutarla a portare le borse della spesa. A incastrare il giovane, accusato di omicidio volontario con dolo eventuale, è stato il cellulare sottratto alla vittima: il ragazzo, che vive nel campo nomadi abusivo di Lungostura Lazio, ha acceso il telefono cambiando la sim e, così, è stato rintracciato dalla polizia. A confermare la presenza del giovane al momento dell’aggressione è anche un’impronta digitale trovata sul frammento di un bicchiere trovato a terra, vicino alla vittima.

La donna ha chiamato i familiari dicendo di essere caduta in casa e di aver bisogno di aiuto. Non ha raccontato, però, di aver subito un’aggressione da parte del 18enne. Arrivata in ospedale, l’anziana è morta a causa delle complicazioni legate ai gravi traumi riportati, tra cui fratture a omero, femore, tibia, rotula, mandibola e costola. Secondo la versione fornita dal ragazzo, il rapinatore, che è in Italia da 6 mesi e che ha già un precedente per furto di rame, avrebbe visto la donna fare spesa al supermercato vicino a casa. L’anziana, che soffriva di osteoporosi e andava in giro con un bastone, ha accettato l’offerta di aiuto del giovane per portare le borse della spesa in casa. Aperta la porta, però, il ragazzo l’avrebbe aggredita, spingendola a terra e colpendola, poi, con un pugno che le ha fratturato la mandibola. Rubato il cellulare e 15 euro dal portafoglio, il ragazzo è poi fuggito.

L’ipotesi di morte dovuta a una caduta è stata rivista dopo che la borsa della signora è stata ritrovata nel bagno di un bar di via Nizza. Pochi giorni dopo, c’è stato l’errore del giovane: cambiata la scheda sim al cellulare, il ragazzo lo ha acceso. Le forze dell’ordine l’hanno così rintracciato e arrestato. Il 18enne ha subito confessato la rapina, anche se ha detto di non sapere che la donna fosse morta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gaia Molinari, “fermato il presunto assassino in Brasile”

prev
Articolo Successivo

Ancona, 53enne ucciso a sprangate mentre dormiva: si pensa a una rapina

next