Chi ha fatto la differenza nel 2014 a livello scientifico? Per la rivista Nature al primo posto c’è l’italiano Andrea Accomazzo, direttore di volo della sonda Rosetta all’Esa e fra i protagonisti della missione Rosetta, che ha portato il veicolo spaziale Philae sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Insieme a lui, nella top-ten, anche un medico che ha lottato contro Ebola e il portabandiera dell’Ice Bucket Challenge.

Accomazzo, ricorda Nature, ha lavorato 18 anni per raggiungere l’obiettivo dell’atterraggio del lander, il 12 novembre scorso. “E’ come scalare un picco di ottomila metri e tornare indietro vivo. Bisogna allenarsi molto, e ci vogliono anni”, racconta. Fra gli altri scienziati inseriti nella top-ten di Nature – 5 uomini e altrettante donne – c’è anche Radhika Nagpal, dell’Università di Harvard, studiosa che ha contribuito ai rapidi progressi compiuti nel campo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Quest’anno, la studiosa ha generato truppe di robot in grado di comunicare e lavorare insieme come uno sciame di insetti.

Sjors Scheres del Mrc Laboratory ha vinto un posto nella prestigiosa lista per aver migliorato una tecnica nota come microscopia a crio-elettroni, che sta contribuendo a svelare le strutture dettagliate di un dispositivo cellulare. La rivista ha incluso anche Pete Frates, il giocatore di baseball in pensione con la sclerosi laterale amiotrofica (Sla) che ha reso l’Ice Bucket Challenge il fenomeno dell’anno sui social media, per aver coinvolto molte persone inconsapevoli in un movimento a sostegno di scienza e ricerca.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Influx, documentario sugli expat italiani nel Regno Unito: ‘Londra non è l’Eldorado’

next
Articolo Successivo

Architetto in Cile. “A Santiago vivo come se fossi nel boom degli anni ’80”

next