Il leader della Fiom Maurizio Landini è in Campania per incontrare i lavoratori delle maggiori aziende del territorio in vista della manifestazione generale prevista il 21 novembre. “Il governo ha scelto di mettere in discussione il diritto dei lavoratori, di resistere tentando un attacco ai contratti nazionali. È una follia – ha spiegato Landini – il governo Renzi “non ha il consenso di giovani, precari e di quelli che lavorano”. Secondo Landini, la fiducia sul Jobs Act è un segnale che “siamo di fronte a chi non vuole discutere né col Parlamento né con le forze sociali. Secondo me il Governo sta sbagliando – ribadisce il leader della Fiom – perché per cambiare il Paese ha bisogno del consenso di chi lavora, e mi pare che stia emergendo che il consenso dei giovani, dei precari e di quelli che lavorano non ce l’ha. Così – conclude Landini – rischia di rispondere ai soliti interessi forti di chi ci ha portato in questa situazione”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Editoria, Condè Nast pagherà 5,8 milioni di dollari a 7.500 stagisti sottopagati

prev
Articolo Successivo

Jobs act, Airaudo: “Governo distrugge il lavoro e la minoranza Pd tace”

next