Tifosi e dirigenti inseguono l’arbitro 17enne, reo di aver fischiato il secondo rigore contro la loro squadra, e lo colpiscono con schiaffi e calci provocandogli ecchimosi e contusioni. E’ accaduto durante la partita tra Atletico Cavallino e Cutrofiano, nel campionato di Seconda Categoria pugliese. Ma, il giorno dopo, le dichiarazioni choc del presidente del Cavallino, Rosario Fina, fanno più male delle botte: “Ha sbagliato e doveva pagare. Fosse capitato tra le mie mani l’avrei ammazzato“. Il numero uno della società salentina era già stato squalificato per 13 mesi, lo scorso gennaio, per aver colpito con una testata un direttore di gara  video tratto dal canale youtube www.solalecce.it

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madri assassine e la cultura del possesso

next
Articolo Successivo

A Milano il più grande centro buddista Ue. Residenti: “Per fortuna non è una moschea”

next