Tifosi e dirigenti inseguono l’arbitro 17enne, reo di aver fischiato il secondo rigore contro la loro squadra, e lo colpiscono con schiaffi e calci provocandogli ecchimosi e contusioni. E’ accaduto durante la partita tra Atletico Cavallino e Cutrofiano, nel campionato di Seconda Categoria pugliese. Ma, il giorno dopo, le dichiarazioni choc del presidente del Cavallino, Rosario Fina, fanno più male delle botte: “Ha sbagliato e doveva pagare. Fosse capitato tra le mie mani l’avrei ammazzato“. Il numero uno della società salentina era già stato squalificato per 13 mesi, lo scorso gennaio, per aver colpito con una testata un direttore di gara  video tratto dal canale youtube www.solalecce.it

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Madri assassine e la cultura del possesso

prev
Articolo Successivo

A Milano il più grande centro buddista Ue. Residenti: “Per fortuna non è una moschea”

next