“Anche a Borgosesia voglio fare il registro per i matrimoni omosessuali. Ma siccome con la questione dei gay si mette in mezzo tutto e il contrario di tutto, faccio anche il registro per i cani, per i gatti, per tutti. Vengano i gay a registrarsi, ma a questo punto vengano tutti”. Sono le parole di Gianluca Buonanno, sindaco di Borgosesia e parlamentare europeo della Lega Nord, a “La Zanzara” su Radio 24. “Marino a Roma ha fatto una carnevalata che non ha nessun valore legale” – sottolinea – “E quindi venga chiunque. Per esempio un dobermann può sposarsi con un barboncino oppure due dobermann possono stare insieme oppure un cane può sposarsi con un gatto o anche due cani maschi. Io lo trascrivo, basta che vengano con il padrone. Si vogliono bene anche i cani, eh? Se un barboncino vuole sposarsi con un cocker, perché no?”. E aggiunge: “Non farei mai nessuna follia omosessuale per nessuno, neanche per Putin. Piuttosto che essere gay e avere un rapporto con un uomo, mi butto giù da un ponte, per l’amor del Cielo. Non sono portato. Se nella mia vita dirò che mi piace un uomo, chiedo di essere ricoverato d’urgenza”. Buonanno poi regala una delle sue perle: “C’è un detto che dice: “cazzo nel sedere non fa figli”. Vuol dire che due uomini e due donne non possono portare avanti la specie umana, altrimenti muore. I matrimoni gay fanno estinguere l’umanità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti umani: l’Italia al vaglio dell’Onu – II

prev
Articolo Successivo

Disabili: mi vergogno di un Paese che taglia sui diritti

next