Sono migliaia le donne e le bambine che muoiono per la violenza che subiscono in famiglia (più spesso) o per mano di sconosciuti ogni giorno sul pianeta, nel silenzio o nel disinteresse del loro paese e della comunità internazionale. Il pensiero è insopportabile, così come lo è quello per ogni ingiustizia compiuta sulle persone e sull’ambiente, e per questo non possiamo costantemente avere in mente sangue e dolore: se lo facessimo sempre saremmo già alla pazzia.

Però è vero che quando la vittima della violenza ha un volto e un nome ciò dà corpo e spessore alla realtà che si elude ogni giorno, e scegliendo di non abbassare lo sguardo o di coprirsi le orecchie l’impatto del reale è ineludibile, se si ha una coscienza.

Alla Secular Conference di Londra, indetta da alcune reti laiche tra le quali One Law for all, Women living under muslim laws e Secularism is a women issue la studiosa Karima Bennoune, docente arabo americana di legislazione internazionale ha scelto di parlare delle vittime del fondamentalismo facendo scorrere dietro di lei i volti di uomini e donne di varie provenienze geografiche, attiviste e attivisti per la laicità, che hanno trovato la morte negli ultimi anni per mano degli islamisti.

Non c’è stato nulla di enfatico o di eroico nel breve racconto delle biografie: Karima ha chiesto che si ricordino queste persone perchè fare memoria è un gesto politico prioritario per avere futuro e ricordare che “la libertà di vivere senza il giogo dell’ideologia religiosa non è realtà in molti luoghi del pianeta. Non si tratta di fede – ha scandito – ma di fanatismo, di politica, e di regime”.

Reyhaneh Jabbari 640

Fa impressione il coraggio di Reyhaneh Jabbari, la donna iraniana impiccata dal regime perché, avendo reagito e ucciso il suo stupratore, si è rifiutata di aver salva la vita ‘riabilitando’ la memoria dell’uomo ritrattando l’accusa di violenza. Reyhaneh non ha ceduto, pur nella solitudine della sua cella, dopo anni di reclusione e forse di tortura, all’umanissima tentazione nella quale cadde la pur fiera e determinata Olympe de Gouges: tre secoli fa l’autrice della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, condannata a morte per questo dai ‘rivoluzionari’, tentò di avere risparmiata la vita affermando di essere incinta. Alcuni precedenti negli anni scorsi che si erano risolti positivamente, tra i quali quelli di Safiya Husaini e Meriam Yehya Ibrahim avevano fatto sperare in una svolta favorevole. Ma in tempi di Isis e di febbre fondamentalista l’occasione, nel regimi teocratico iraniano, per ribadire che non si sgarra era servita sul piatto d’argento.

Così la forca per Reyhaneh è l’allungarsi della scura ombra del terrore e dell’inumanità che rischia, come si è stato detto a Londra, di travolgere il mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Misoginia, non stiamo zitte!

next
Articolo Successivo

Reyhaneh così distante, così vicina

next