Manifestazione Cgil a Roma per il lavoro, migliaia in piazza. Pochi in piazza San Giovanni ammettono di aver votato Matteo Renzi alle scorse elezioni europee e di aver contribuito al suo robusto 40%. Qualcuno alla fine cede: “Sì l’ho votato, ma sono amaramente pentito, mai mi sarei aspettato certi provvedimenti, alle prossime elezioni il Pd non avrà il mio voto” afferma un signore. “Non c’è un partito oggi che rappresenta questa piazza, la sinistra ha perso la bussola” dicono altri manifestanti. “Bonus bebè a pioggia, 80 euro senza verificare se davvero vanno a finire nelle tasche di chi è povero, spot sulla scuola quando non si finanzia la ricerca, sono molto delusa” aggiunge una signora che ha deciso di non prendere la tessera del partito per il 2014. “Nostalgia della vecchia nomenclatura? Non pensavo ci fosse di peggio, ed ecco Renzi” afferma. “Io vorrei un partito del lavoro, magari un leader come Landini, di lui mi fido, è uno di noi” chiosa  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cgil a Roma: cosa cambia dopo la grande piazza?

prev
Articolo Successivo

ThyssenKrupp, lavoratori dell’Ast di Terni alla Leopolda. Renzi: “Mi impegno”

next