“L’Italia è un paese che ogni anno versa 20 miliardi all’Europa e ne prendiamo una decina non veniamo qui a prendere lezioni”. Così il premier Matteo Renzi all’indomani del duello a distanza con il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso che ieri aveva criticato: “La pubblicazione della lettera di Katainen a Padoan è stata una decisione unilaterale del governo italiano, la Commissione non era favorevole perché siamo in una fase di negoziati e consultazioni con diversi governi e sono consultazioni tecniche, che è meglio avere in un ambiente confidenziale”. Il presidente del Consiglio ha aggiunto: “Io sono il segretario di un partito che ha preso più voti di tutti, la burocrazia rischia di distruggere l’Europa”. Renzi chiede anche più trasparenza alle istituzioni europee: “Contemporaneamente ci vuole più trasparenza a questi tavoli europei. In alcune riunioni perfino Adenauer e De Gasperi diventerebbero euroscettici vedendo la complicazione europea”  di Alessio Pisanò

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cesano Boscone, Berlusconi: “Fine anticipata servizi sociali? Non posso parlare”

prev
Articolo Successivo

Stabilità, Renzi dopo vertice Ue: “E’ andata, va bene anche in Europa. Ora riforme”

next