Assistiamo all’espandersi tumultuoso della cultura del lamento, è diventata ormai un oggetto di conversazione come l’ultimo film di Ken Loach o la nebbia in val Padana. Ma non penso al lamento per la crisi, recentemente promossa a recessione, o per la guerra, o per le nostre istituzioni disonorate, mi riferisco alle meste confidenze sulle proprie e altrui disgrazie, meglio se riferite al passato remoto.

“Pensa la sua mamma …” “e allora il mio papà …” “ in quelle condizioni, poverina, ha dovuto persino prostituirsi …” , “sono cresciuto solo”, “se n’è andato con una più giovane“, “sono vivo per miracolo”, “e cos’altro poteva fare se non farsi mantenere dal primo che incontrava?”, “ Mi ha tamponato un Suv ”, “È stata abusata dal patrigno”, “sono stato toccato dal prete ” “Mi sono bruciata con l’acqua bollente”.

Queste frasi segnano l’inizio di estenuanti e non richieste confidenze ricche di toccanti particolari. Meglio non azzardare commenti: “Forse poteva fare qualcos’altro invece che prostituirsi?” proposi una volta. “E cosa? È facile per te fare la moralista; è poi che male c’è?”. Certo, perbacco. Ma perché si pensa che questi argomenti possano interessare l’interlocutore? Forse perché anche l’interlocutore è socio del club e quindi aspetta solo il suo turno per aprire il rubinetto dei propri disastri? O perché l’interlocutore è presunto senza dispiaceri né problemi e senza ombre nel passato dato che non ne parla?

Probabilmente tutte e due le cose, credo però che la ragione profonda sia un’altra: il disastro interessa molto più della felicità. Ma perché? E perché oggi con questa inquietante frequenza? Dalle ceneri dell’educazione al riserbo è nato questo nuovo diritto allo sfogo e all’autogiustificazione che aiuta a stare meglio, o così si crede.

Il Fatto Quotidiano, Lunedì 6 ottobre 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elogio dell’autunno: quando la natura dà spettacolo

next
Articolo Successivo

In edicola sul Fatto del Lunedì: Arancia meccanica 2014 (sondaggio)

next